Con l’anticoagulante una dose è meglio di due

L’aderenza alla terapia anticoagulante è un elemento indispensabile per l’efficacia della cura. È quanto emerge da uno studio di vita reale che ha dimostrato come l’assunzione di anticoagulanti orali diretti che possono essere somministrati una sola volta al giorno rispetto a una somministrazione bis in die, migliori l’aderenza e la persistenza alla terapia, con conseguente riduzione del rischio di ictus e di eventi embolici sistemici.

L’aderenza alle terapie anticoagulanti è stata valutata contando la percentuale di giorni coperti dalla disponibilità del farmaco da parte del paziente; si considerava idonea un’aderenza di almeno l’80%, mentre percentuali inferiori indicano un’aderenza non sufficiente. Sono stati quindi presi in esame pazienti con almeno 18 anni che avevano appena iniziato la terapia con edoxaban o rivaroxaban una volta al giorno o con apixaban o dabigatran due volte al giorno. L’obiettivo era di confrontare l’aderenza alla terapia dei pazienti trattati con i nuovi anticoagulanti orali in mono o doppia somministrazione giornaliera, per valutare l’associazione tra ridotta aderenza e insorgenza di ictus ischemico nei pazienti con FANV.

Una ridotta aderenza al trattamento è risultata significativamente maggiore per i pazienti in doppia somministrazione rispetto a quelli in monosomministrazione giornaliera. In entrambi i casi, la scarsa aderenza determina un aumento del rischio di ictus ischemico di dimensioni paragonabili.

Bibliografia

Alberts MJ, Peacock WF, et al. Association between once- and twice-daily direct oral anticoagulant adherence in nonvalvular atrial fibrillation patients and rates of ischemic stroke. International Journal of Cardiology 2016;215:11-3

 

Sezioni

COVID E CUORE

CARDIOLOGIA E MMG

DIABETE E DISLIPIDEMIE

MEDICINA DIGITALE

Gli anticoagulanti orali diretti in sintesi

Gli anticoagulanti orali diretti in sintesi

Gli anticoagulanti orali diretti (DOAC) agiscono inibendo in maniera diretta il fattore Xa (rivaroxaban, apixaban, edoxaban) o  la trombina (il Dabigatran). Rispetto al Warfarin hanno il vantaggio di causare un minor rischio di effetti...