Con Edoxaban, più sicurezza nei pazienti con fibrillazione atriale

Nei pazienti con fibrillazione atriale ad alto rischio può essere utile raccomandare una terapia anticoagulante con Edoxaban, in alternativa a Warfarin, in quanto a pari efficacia corrisponde una maggiore sicurezza in tema di riduzione dei sanguinamenti maggiori.

Lo studio ENGAGE AF-TIMI 48 ha preso in esame oltre 21.000 pazienti con fibrillazione atriale e CHADS2 score >2. I partecipanti allo studio sono stati randomizzati a tre bracci di trattamento attivo: il primo con Edoxaban ad alta intensità  (HDER* 60 mg/30 mg) il secondo  con Edoxaban a bassa intensità  (LDER** 30 mg/ 15 mg) il terzo Warfarin. La dose del farmaco veniva ridotta nel paziente con una o più delle seguenti caratteristiche: peso ≤60kg, 15 mg/dL<GFR<50 mg/dL o contemporanea assunzione di Dronedarone, Eritromicina, Ciclosporina, Ketoconazolo.

Il Follow up medio è’ stato di 2,8 anni. Un’analisi prespecificata di sottogruppi ad alto rischio ha valutato come outcome primario l’esito clinico netto (NCO), esito composito di eventi embolici, ictus, sanguinamenti maggiori oppure morte.

L’incidenza di NCO annuale nel gruppo trattato con warfarin era  maggiore nei pazienti con tumori maligni (19,2%), ad alto rischio di cadute (14%) e con peso corporeo molto basso (13,5%) rispetto ai pazienti che non avevano queste caratteristiche. Il tasso di NCO aumentava con il crescere dei fattori di rischio, si passava quindi da 4,5%, a 7,2%, 9,9% e 14,6% per chi aveva rispettivamente da 1 a più di 4 fattori di rischio (Ptrend <0,001).

Rispetto a warfarin il trattamento con Edoxaban ad alta intensità (HDER 69/30mg) era associato a una riduzione di NCO nella maggior parte dei sottogruppi: anziani, pazienti con disfunzione renale moderata, precedente ictus/TIA, etnia asiatica, peso corporeo molto basso, concomitante terapia con antiaggregante e VKA-naive. Nei pazienti con più di un fattore di rischio, la riduzione del rischio assoluto a favore di edoxaban rispetto a warfarin aumentava rispettivamente da 0,3% a 2% (P =0.065) con Edoxaban 60/30mg (HDER).

*HDR, higher-dose edoxaban regimen – terapia con Edoxaban ad alto dosaggio

**LDER, low dose edoxaban regmen – terapia con Edoxaban a basso dosaggio

Bibliografia

Gencer B, Eisen A, et al. Edoxaban versus Warfarin in high-risk patients with atrial fibrillation: A comprehensive analysis of high-risk subgroups. Am Heart J 2022;247:24-32.

 

Sezioni

COVID E CUORE

CARDIOLOGIA E MMG

DIABETE E DISLIPIDEMIE

MEDICINA DIGITALE

Cautela nella gestione della FA nel paziente anziano fragile

Cautela nella gestione della FA nel paziente anziano fragile

E’ noto in letteratura come con l’aumento dell’età aumenti la prevalenza di fibrillazione atriale con un aumento sia del rischio di ictus ischemico che di quello emorragico. La gestione dei pazienti anziani, fragili con fibrillazione...