DOAC: i dosaggi ridotti solo quando specificamente raccomandati

Nei pazienti in terapia con i farmaci anticoagulanti orali DOAC l’attenzione al corretto dosaggio è un elemento indispensabile.

“A volte si preferisce prescrivere un basso dosaggio anche in pazienti che non hanno le caratteristiche tipiche per questa indicazione per timore di esporli a un rischio emorragico eccessivo, ma questa scelta non è opportuna” spiega Alberto Menozzi, direttore della struttura complessa di Cardiologia dell’ospedale Sant’Andrea di La Spezia in un’intervista rilasciata a Cardioinfo- Istantanee di cardiologia.

È necessario che il medico si attenga alle indicazioni specificamente raccomandate prescrivendo il dosaggio pieno in tutti i pazienti, tranne in quelli considerati a rischio per età, peso e funzionalità renale.

Poiché i parametri da prendere in esame possono variare nel corso del tempo, è fondamentale rivalutare il paziente almeno una volta all’anno. “L’ideale” spiega ancora Menozzi “sarebbe ogni 6 mesi così da garantire una efficacia e sicurezza costanti nel tempo”.

Altro aspetto importante da non sottovalutare è il numero di compresse da assumere al giorno. Se possibile è sempre opportuno preferire una terapia che preveda una sola assunzione al dì così da semplificare e favorire l’aderenza del paziente, soprattutto se anziano.

Un aiuto in questo senso può venire anche dal packaging: per esempio un blister con l’indicazione dei giorni della settimana può semplificare ulteriormente l’assunzione di una terapia cronica in quanto aiuta il paziente a ricordare se la compressa del giorno è stata effettivamente assunta.

Bibliografia

DOAC: basso dosaggio, monosomministrazione e packaging Intervista a Alberto Menozzi 21 Febbraio 2022.

Sezioni

COVID E CUORE

CARDIOLOGIA E MMG

DIABETE E DISLIPIDEMIE

MEDICINA DIGITALE

COVID-19 e rischio cardiovascolare

COVID-19 e rischio cardiovascolare

Fin dai primi mesi della pandemia da SARS-CoV-2 è apparso evidente che le persone con malattie cardiovascolari avevano un rischio più elevato di andare incontro a forme gravi di COVID-19. Con il tempo gli studi hanno mostrato che il...

Il rischio di infarto si comprende dagli occhi

Il rischio di infarto si comprende dagli occhi

Tradizionalmente si dice che gli occhi sono lo specchio dell’anima, perché l’occhio riflette in maniera immediata le nostre emozioni. In epoca di medicina digitale gli occhi diventano anche lo specchio del cuore. E’ stata sviluppata di...