Edoxaban: si conferma la sicurezza nei pazienti anziani (>85 anni) a un anno di follow-up

La somministrazione di edoxaban per la profilassi della cardioembolia associata a fibrillazione atriale appare sicura sia in pazienti anziani a basso rischio sia in anziani fragili con più di 85 anni. La conferma riguardo alla sicurezza proviene dall’analisi di un anno di follow-up di pazienti italiani coinvolti nel registro ETNA-AF Europe.

Cos’è il registro ETNA-AF Europe

Il registro ETNA-AF Europe è uno studio osservazionale prospettico di fase 4 attualmente in corso che ha come obiettivo la raccolta di dati di vita reale (real life) sulla sicurezza oltre che sull’efficacia e sull’aderenza terapeutica ad edoxaban in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare.

L’analisi

Nel registro sono arruolati quasi 14.000 pazienti, di questi circa 3.500 sono italiani. È stata quindi condotta un’analisi descrittiva sui pazienti italiani che hanno concluso il follow up-di un anno. Complessivamente sono stati analizzati 3.341 soggetti.

I risultati

Nel complesso, i pazienti italiani seguiti in ETNA-AF Europe sono anziani: infatti, oltre la metà aveva almeno 75 anni all’arruolamento e poco meno del 15% aveva almeno 85 anni. Questo dato rende la coorte italiana di ETNA-AF Europe particolarmente interessante in quanto rappresentativa di una popolazione geriatrica con FA, colta in minor misura dalla maggior parte degli altri studi osservazionali. Quasi il 20% di tutti i pazienti è stato definito “fragile” dagli sperimentatori. La maggior parte dei pazienti (68.7%) ha ricevuto la dose di edoxaban di 60 mg/die. I pazienti trattati con edoxaban 30 mg/die (31.3%) hanno un’età più avanzata, un più basso filtrato glomerulare e un rischio maggiore sia di ictus sia di sanguinamento. Considerando l’intera popolazione in studio, l’incidenza di eventi è stata bassa: sanguinamento maggiore 1,63%/anno, emorragia intracranica 0,16%/anno, ictus o evento embolico sistemico 0,50%/anno, mortalità per tutte le cause 3,72%/anno.

Il tasso di emorragia maggiore, ictus o evento embolico sistemico e mortalità per tutte le cause è stato più alto nei pazienti più anziani, in quelli con punteggio CHA2DS2-VASc ≥4, nei pazienti definiti fragili e nei pazienti che hanno ricevuto edoxaban a dose ridotta, coerentemente con le caratteristiche di questa popolazione popolazione. Per quanto riguarda l’emorragia intracranica è stata registrata una percentuale bassa in tutti i partecipanti indipendentemente dalla dose di farmaco assunta, dall’età dei pazienti e dalla fragilità. Stanti le caratteristiche anagrafiche della popolazione italiana arruolata nell’ETNA-AF Europe, appare rilevante il bilancio tra sicurezza ed efficacia di edoxaban nel cospicuo gruppo di pazienti con età ≥75 anni. L’analisi a un anno di follow up della popolazione conferma quindi la sicurezza e l’efficacia di edoxaban su soggetti con più di 75 anni, coerentemente con quanto già dimostrato nello studio ENGAGE AF-TIMI 48.

Bibliografia

Ameri P, Riva L, Toma M, et al. Dati di un anno di follow-up dei pazienti italiani con fibrillazione atriale trattati con edoxaban nello studio ETNA-AF Europe. G Ital Cardiol 2020;21.

Sezioni

COVID E CUORE

CARDIOLOGIA E MMG

DIABETE E DISLIPIDEMIE

MEDICINA DIGITALE

COVID-19 e rischio cardiovascolare

COVID-19 e rischio cardiovascolare

Fin dai primi mesi della pandemia da SARS-CoV-2 è apparso evidente che le persone con malattie cardiovascolari avevano un rischio più elevato di andare incontro a forme gravi di COVID-19. Con il tempo gli studi hanno mostrato che il...

Il rischio di infarto si comprende dagli occhi

Il rischio di infarto si comprende dagli occhi

Tradizionalmente si dice che gli occhi sono lo specchio dell’anima, perché l’occhio riflette in maniera immediata le nostre emozioni. In epoca di medicina digitale gli occhi diventano anche lo specchio del cuore. E’ stata sviluppata di...