La digitalizzazione della sanità italiana, tra opportunità e sfide

Mercoledi 15 Dicembre si è svolto “Digiti…Amo”, seminario online che aveva l’obiettivo di fare il punto sul processo di digitalizzazione della sanità italiana, grande sfida del prossimo futuro.

L’emergenza pandemica ha sicuramente favorito la diffusione di attività come la televisiva o il teleconsulto, mentre il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) può offrire le risorse necessarie per trasformare il Sistema Sanitario Nazionale verso il digitale. La sfida sarà quella di raccogliere, condividere ed elaborare l’enorme insieme di dati clinici, assistenziali, sanitari ed economici che saranno prodotti attraverso i nuovi sistemi digitali.

Durante le due ore di confronto condotte da Gian Franco Gensini, Direttore Scientifico dell’Irccs MultiMedica, e dal direttore di Quotidiano Sanità Cesare Fassari, si sono alternati gli interventi di Antonio Gaudioso, capo della segreteria tecnica del ministro della Salute; Francesco Gabbrielli, direttore del Centro Nazionale per la Telemedicina e le Nuove TecnologieAssistenziali dell’Istituto Superiore della Sanità; Chiara Sgarbossa, direttore dell’Osservatorio Digital Health del Politecnico di Milano; Filippo Anelli, presidente Fnomceo; Furio Colivicchi, presidente Anmco; Graziano Di Cianni, presidente Amd e Dario Manfellotto, presidente Fadoi.

Quotidiano Sanità ha pubblicato un articolo di dettaglio, dove sono è presente una sintesi dei diversi interventi.

Sezioni

COVID E CUORE

CARDIOLOGIA E MMG

DIABETE E DISLIPIDEMIE

MEDICINA DIGITALE

Cautela nella gestione della FA nel paziente anziano fragile

Cautela nella gestione della FA nel paziente anziano fragile

E’ noto in letteratura come con l’aumento dell’età aumenti la prevalenza di fibrillazione atriale con un aumento sia del rischio di ictus ischemico che di quello emorragico. La gestione dei pazienti anziani, fragili con fibrillazione...